Libri

Letture notturne: La morte ci sfida

«Questo non è un libro di ‘grandi riflessioni’. Più che altro è come i film dell’orrore che guardavi alla televisione la sera tardi.» Una sorta di vecchia pellicola tra il western e l’horror in bianco e nero in cui spicca soltanto il rosso vivo del sangue. Una diligenza fantasma, i cui passeggeri sono svaniti nel nulla; Jebidiah Mercer, un reverendo armato di una calibro .36, dedito al whisky e persecutore dei peccatori; una creatura dalla forma mutevole che vaga di notte ululando per le vie di una polverosa cittadina del Texas. A Mud Creek, quando il sole tramonta, i morti si aggirano in cerca di carne umana della quale nutrirsi. Riuscirà il reverendo Mercer, l’unico in grado di spezzare la maledizione lanciata da un guaritore indiano impiccato ingiustamente dai cittadini, a rinnovare la propria fede per sconfiggere il male o il destino della popolazione è irrimediabilmente segnato?

[Fonte: fanucci.it]

Cosa c’è di meglio di un bel libro di Lansdale da leggere prima di addormentarsi in queste notti di fine estate? Se siete amanti del Lansdale genre e sentite la mancanza dei film dell’orrore di “serie b” in seconda serata questo romanzo non vi deluderà.


Letture notturne: Improbable

Improbable è un romanzo avvincente-intelligentestupefacentedivertente. Il libro di Adam Fawer mi è stato regalato dalla Freckles, la signorina di libri se ne intende!

La trama è una miscela esplosiva di azione, thriller e nozioni di fisica quantistica e statistica. David Caine, professore universitario di matematica con il vizio del gioco d’azzardo, è costretto a lasciare l’insegnamento per una forma sempre più grave di epilessia…. se volete saperna di più sulla trama leggete qui ma vi consiglio di leggere direttamente Improbable. Un romanzo che ogni geek dovrebbe avere nella propria libreria!


Foggy Day

Stamattina una fitta nebbia ha invaso la città. Ispirato da questo tempo ostile mi permetto di darvi un consiglio letterario ad hoc. Il racconto di Stephen King dal titolo “La nebbia” (ma dai!), che è uno tra i miei preferiti, contenuto nella raccolta “Scheletri” e dal quale è stato tratto un film, “The Mist”, ancora inedito in Italia. Vedrete poi che non camminerete più tanto tranquillamente tra le dense coltri.

220220081.jpg

A volte ritornano…

Grazie ad una soffiata della Freckles stamattina mi sono fiondato in edicola per acquistare il “nuovo” romanzo di Steve.

blaze.jpg

Richard Bachman è tornato!

Il libro costa 12.90 euro ed è venduto in allegato a Repubblica o L’espresso (ricordo che anche il Miglio verde era uscito in edicola a puntate alla fine degli anni novanta).

Qui trovate l’intervista rilasciata da King dove viene svelata la trama del romanzo e l’origine del suo pseudonimo.

Dalla prefazione del libro:

“Credo di essere l’unico scrittore nella storia della letteratura in lingua inglese la cui carriera si sia fondata sugli assorbenti; questa parte della mia eredità letteraria è certissima”.

 

the_mist_2.jpg

Ho scoperto King da ragazzino. Curiosando in biblioteca sono rimasto affascinato dalla scimmietta sulla copertina di Scheletri. Del racconto La nebbia, uno dei miei preferiti, sta per uscire in America la trasposizione cinematografica. Eccovi il trailer.

Il film è diretto da Frank Darabont, regista dello splendido Le ali della libertà e del Miglio verde che sono, dopo Shining (“I’m not gonna hurt ya. Wendy, darling. Light of my life. I’m not gonna hurt ya. You didn’t let me finish my sentence. I said, I’m not gonna hurt ya. I’m just gonna bash your brains in. I’m gonna bash ‘em right the f–k in.”) di Kubrick, tra i migliori film tratti dai libri di King.